22/12/2008 07:12


(da sinistra a destra , il Dott.Franco Botta , il Cardinal Bertone e l'On. Giuseppe Botta)

Il giorno 9 Dicembre è mancato dopo lunga malattia l'Onorevole Giuseppe Botta. Grande lavoratore , umanamente molto ricco e cordiale , uomo di capacità e lungimiranza straordinarie seppe sempre mantenere un rapporto diretto con la sua base elettiva. C'è la sua mano su tantissime opere pubbliche , dalla bretella autostradale Ivrea-Santhià al traforo del Frejus , dalle autostrade Torino-Bardonecchia a quella per Pinerolo , la direttissima che porta all'Aeroporto di Torino-Caselle , la legge 16/1985 per le Caserme dei Carabinieri , la legge 183/89 per la difesa del suolo , la legge 192/1992 (nota come Botta-Ferrarini) per l'edilizia residenziale pubblica.

Questo era l'Onorevole Giuseppe Botta per l'opinione pubblica. Per noi Esuli , anche per quelli che non lo hanno conosciuto , è stato un uomo eccezionale. Lo ricordiamo alla vigilia del Natale del 1993 in Parlamento a vigilare sino a tarda ora che la legge 560/93 , comma 24 , non venisse cancellata o modificata con un colpo di mano dopo anni di lungo lavoro , noi in trepidante attesa nell'ufficio dell'Associazione , lui vigile in transatlantico con l'unico scopo di far acquistare la casa popolare agli Esuli Istriani Fiumani e Dalmati. Era , secondo lui , un atto dovuto e doveroso a favore di chi tanto aveva sofferto e ancora tanto soffriva.

Missione compiuta caro Onorevole : noi non potremo mai dimenticarla. Non ci ha chiesto mai nulla in cambio , non ha preteso visibilità , non ha mai rivendicato meriti. Crediamo sia un fulgido esempio da proporre oggi a quegli uomini politici che da anni si dichiarano “vicini” agli Esuli , sono sempre presenti alle manifestazioni pubbliche e pronti a dichiarazioni ai media , ma di leggi e provvidenze concrete a nostro favore non hanno avuto volontà o capacità di concordarle con noi Esuli.

Consigliamo al riguardo che i nostri Dirigenti prendano le distanze da questi opportunisti che sfruttano sistematicamente le nostre vicende per calcolo politico e personale , ma si guardano bene da risolvere i nostri problemi con opportune leggi a nostro favore. Ancora grazie caro Onorevole per tutto quello che ha potuto e saputo darci a livello legislativo , e per tutto quello che ha saputo e voluto umanamente insegnarci , nel grande cielo degli Esuli da oggi brillerà anche la sua piccola , luminosa stella.

Il Comitato A.N.V.G.D. di Torino